I pavimenti in legnoTutte le informazioni che ti servono: guida all'acquisto.

Durante il corso degli anni i gusti delle persone sono notevolmente cambiati e se alcuni preferiscono per i loro pavimenti le classiche maioliche, altri optano per il confortevole e salubre pavimento in legno.
Inutile sottolineare che il legno è un elemento vivo, inimitabile per l’estetica e per l’accoglienza che apporta in una location ed inoltre, cosa di non poco conto, il legno apporta benefici alla salute.
I pavimenti in legno possono essere realizzati in legno massiccio che è il tipo più pregiato che esiste nel settore, in strati sovrapposti, in tavolati che garantiscono un isolamento acustico e termico inconfutabile ed in laminati che è una pavimentazione multistrato che riproduce perfettamente il parquet.

Il pavimento in legno massiccio

Il legno massiccio è uno degli elementi più nobili per realizzare una pavimentazione in un locale o in un’abitazione. E’ composto da listelli di rovere o Iroko e i listelli utilizzati possono essere di vario spessore e vengono incastrati tra di loro se sono grandi, mentre se il formato è più piccolo la posa avviene normalmente.
Il pavimento di legno massiccio è molto elegante specialmente se vengono utilizzati i listoni. L’abitazione soprattutto se corredata da elementi quali il camino o mobili in arte povera, diventa accogliente, calda e rilassante. Questo pavimento offre lo spunto necessario per rendere la casa come un rifugio perché viene spontaneo abbellire l’ambiente con complementi caldi ed eleganti ed è proprio la pavimentazione che gioca a favore del carattere e dell’emotività di una persona.
I listoni in legno massiccio una volta davano problemi di deformazione e di assestamento, ma oggi questo tipo di inconvenienti non si verificano più perché le ditte produttrici trattano il legno massiccio in maniera adeguata.
La colla silanica, che nel corso degli anni ha sostituito le colle bicomponenti, premette ai listelli di legno di essere lisci e completamente aggrappanti.
I professionisti del mestiere levigano i listoni grezzi direttamente in cantiere dove vengono anche verniciati.
L’olio con le mani esperte e sapienti dei posatori, verrà fatto assorbire ed asciugare e solo dopo queste operazioni si passerà alla verniciatura dei listoni.
Questo avviene quando si procede alla posa dei listoni in maniera artigianale ed ecco perché le ditte, proprio per non far aspettare il cliente, preferiscono utilizzare elementi preverniciati, ma sempre trattati ineccepibilmente.
La posa dei listoni può avvenire anche con la tattica dell’inchiodatura che è sicuramente più veloce e si evitano eventuali gas derivanti dalle colle utilizzate.
Il fondo però in questo caso deve risultare perfettamente idoneo a questo tipo di posa infatti i listelli in legno massiccio verranno annegati in un massetto di calce idraulica.
Infine si passa all’inchiodatura che va effettuata con competenza per non permettere la deformazione dei listoni in legno.
La posa di questi ultimi può avvenire anche in maniera flottante ed anche in questo caso ci si avvale di listoni prelevigati e preverniciati nell’azienda stessa e che devono solo venire installati.
Sul fondo viene prefissato un letto di juta: questa fibra evita la flessione dei listoni durante il calpestio.
Questo tipo di posa però, apporta delle controindicazioni anche essendo più veloce delle altre infatti è più adatta ai pavimenti multistrato piuttosto che ai listoni in legno massiccio.

Il pavimento in legno in strati sovrapposti

Questo tipo di pavimentazione viene messa in atto quando non si ha intenzione di effettuare interventi di demolizione quindi, l’installazione avviene incastrando i listelli di legno.
Molte volte capita che si cambi abitazione ma l’arredamento non si addice allo stile del pavimento. Ecco perché nel caso non si intenda affrontare un rifacimento, si può tranquillamente ricorrere alla pavimentazione in strati sovrapposti che avviene senza incollaggio ma semplicemente ad incastro.
Con questa tattica naturalmente, si evita di mettere in subbuglio un’appartamento e si evitano varie spese di rifacimento e di trasporto del materiale demolito.
Le ditte produttrici che devono intervenire, si occuperanno della posa della pavimentazione applicando sul pavimento già esistente uno strato di gommapiuma e poi incastreranno i listelli di legno che sono dotati di incastri maschio e femmina.
Questo particolare tipo di pavimentazione di legno non prevede l’incollaggio perché l’unione è garantita dai listelli e in caso di un futuro trasloco, i listelli possono essere estratti e trasportati nella nuova abitazione con estrema facilità.
Il risultato è veramente ottimale e i listelli di legno ad incastro donano un calore ineccepibile e molto rilassante a tutto l’ambiente, anche perché la ditta a cui vi rivolgerete, vi avrà mostrato il catalogo molto ben fornito delle tonalità dei vari listelli di legno.
I listelli sono realizzati in legno definito nobile come il rovere, l’olivo, il noce, il faggio, il Cabreuva, il Panga Panga e il Padouk.
La ricchezza delle trame è veramente varia e potrete far installare la pavimentazione con geometrie disparate che regaleranno all’ambiente un tocco di classe ed eleganza ineccepibile.

Il pavimento in legno tavolato

I tavolati per la pavimentazione sono elementi molto pregiati che hanno una struttura particolare.
Innanzitutto sono realizzati a strati. Il primo strato è una plancia formata da legno nobile nella quantità di 4/5 millimetri e conferisce al pavimento stabilità e sicurezza e permette di levigarlo innumerevoli volte dopo la posa.
Il secondo strato è formato da listarelle massicce solitamente di abete puro che vengono disposte in senso trasversale in modo da rendere stabile il tavolato.
Il terzo strato è sempre in legno d’abete e serve a controbilanciare eventuali variazioni.
I tavolati vi verranno proposti dall’azienda in diverse misure e con molteplici effetti dovuti alle svariate tonalità come lo sbiancato, il decapato e il velato.
Il tavolato è formato da legni pregiati ma se volete un pavimento di questo tipo, informatevi bene dalla ditta che verrà ad installarlo perché come tutti i legni di prestigio deve essere certificato e poi dovete avere la garanzia che sia un elemento dove la materia prima è stata trattata con una sapiente fase di essiccazione.
Generalmente la superficie viene trattata artigianalmente e per tale motivo ci può essere la presenza di quelle piccole imperfezioni che donano la caratteristica unica ad ogni elemento.
La pavimentazione col tavolato deve richiamare quella dei vecchi pavimenti di una volta, quelli grezzi e fatti rigorosamente a mano. I nodi e le fiammature devono essere l’elemento base per esaltare il tavolato.
La piallatura a mano ed i colpi di lama e di spazzola, devono riportare ad un tempo passato, a quelle antiche stanze della nonna in quelle case rupestri ed accoglienti.
Il tavolato è adatto a superfici importanti come saloni fini e di pregio e deve regalare ai padroni di casa ed agli ospiti un senso di suggestione e di grande impatto estetico.

La manutenzione dei pavimenti in legno

IMG_0281La manutenzione dei pavimenti in legno comincia dalla porta di casa. Sulla soglia della vostra abitazione dovete collocare uno zerbino che possa evitare di portare all’interno terra, sabbia o altri elementi che potrebbero graffiare la vostra pavimentazione di legno che è solida, ma delicata.
Potete pulire il pavimento in legno con le normali aspirapovere, ma dovete stare attenti ad utilizzare spazzole morbidissime e poi potrete usare uno straccio in microfibra ben lavato e strizzato.
Prima di lavare il pavimento accertatevi che non vi sia pulvisolo o altri elementi sulla superficie perché agirebbero come la carta abrasiva ed eliminerebbero quel velo di strato impermeabile e protettivo di cui è dotato il legno.
Sotto le sedie ponete quei feltrini che proteggono da striature antiestetiche e da eventuali graffi dovuti al trascinamento delle sedie.
Per detergere il pavimento utilizzate esclusivamente prodotti per il legno e mai prodotti tipo candeggina che potrebbero provocare abrasioni o lasciare patine di grassi difficili da eliminare.
Se per caso vi cadono accidentalmente dei liquidi di qualsiasi genere per terra, pulite all’istante e se vi piacciono le piante, attenzione a dove le posizionate ed usate sempre un sottovaso per eventuali fuoriuscite di acqua.
Lo stesso vale se spruzzate le piante di liquido con un erogatore.
Quando lavate i pavimenti non usate mai acqua in abbondanza perché basta solo una pezzuola ben strizzata.
Tenete presente che i pavimenti in legno contengono uno strato protettivo di cera che potrebbe rovinarsi.
Gli ambienti con i pavimenti in legno non vanno lavati giornalmente ma basterà passare una spazzola raccogli polvere o un panno di lana. Ricordate che l’acqua va usata solo in caso di effettiva necessità. Inoltre bisogna lavare i pavimenti a seconda della frequenza con cui si utilizza la camera in questione.
Negli ambienti poco utilizzati come una camera degli ospiti, pulite il pavimento solo un paio di volte a settimana senza lavare con acqua ma solo passando un panno morbido per raccogliere polvere ed impurità.
Affidate alle mani di un esperto invece, la manutenzione con determinati oli ogni 4/5 anni.
L’uso corretto di queste semplici regole, vi aiuteranno a mantenere i vostri pavimenti sempre come nuovi.

Contattaci

per maggiori informazioni o per richiedere un preventivo gratuito

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio